Progressi nella nanomedicina e suo contributo nel campo delle scienze della salute

  • Daniel Chandler
  • 0
  • 3106
  • 191

Oggi la nanomedicina avanza e il suo contributo alle scienze della salute sono orientati verso la prevenzione, la diagnosi e il trattamento, principalmente delle patologie che hanno un grande impatto sulla popolazione.

Questa branca della medicina utilizza la conoscenza della nanotecnologia, rivolgendosi specificamente ai trattamenti per i tessuti malati senza danneggiare i tessuti sani.

nanotecnologie è dedicato al controllo e alla manipolazione della materia su una scala inferiore a 1 micron, pertanto crea materiali e sistemi con proprietà uniche, in grado di svolgere qualsiasi funzione.

Aree di nanomedicina

La nanomedicina comprende tre aree:

1. La nanodiagnosi

La nanodiagnosi si basa sull'uso di nanodispositivi e sistemi di contrasto. In questo modo, è possibile ottenere una rilevazione più sensibile, rapida e accurata di una malattia nelle prime fasi. È possibile utilizzare dispositivi diagnostici. in vitro o in vivo.

Potresti anche essere interessato a leggere: mangiare frutta e verdura previene regolarmente il cancro?

2. Nanoterapia o rilascio controllato di farmaci

Questa parte della nanomedicina si basa sull'uso di nanostrutture che consentire l'accumulo e il rilascio controllato di una sostanza attiva esclusivamente nelle cellule malate.

Le nanostrutture devono:

  • Sii biocompatibile.
  • Porti dosi specifiche del farmaco.
  • Sii stabile fino a raggiungere il tessuto bersaglio.

3. Nanomedicina rigenerativa

Ripara o sostituisce i tessuti e gli organi danneggiati. applicare la nanotecnologia. Di conseguenza, è possibile stimolare i meccanismi di riparazione del corpo umano..

attualmente, sistemi teranostici sono in fase di sviluppo, che combinano elementi nella stessa nanoparticella per il rilevamento e il trattamento localizzati di una malattia.

D'altra parte, questi sistemi consentiranno visualizzazione e valutazione della cinetica e dell'efficacia del trattamento.

Progressi della nanomedicina in oncologia

Nel campo dell'oncologia, l'uso della nanomedicina si è concentrato su due problemi comuni a qualsiasi tumore: la diagnosi e gli effetti collaterali della chemioterapia.

La diagnosi precoce del cancro aumenta notevolmente le possibilità di guarigione. Pertanto, uno dei principali usi della nanomedicina in questo campo è la possibilità di rilevare le cellule tumorali nelle prime fasi della malattia.

In questo senso, gli studi sugli animali hanno rivelato che le nanoparticelle magnetiche correlate ai marker tumorali consentire il corretto rilevamento del cancro.

Ciò può accadere anche quando i livelli di questi marker sono ben al di sotto dei livelli rilevabili con i metodi attuali..

La nanomedicina per evitare gli effetti collaterali della chemioterapia

La chemioterapia è un trattamento molto aggressivo. Si basa sulla distruzione delle cellule tumorali e ha molteplici effetti collaterali associati in quanto distrugge anche le cellule sane..

Nel trattamento del cancro, la nanotecnologia "incapsula" i farmaci utilizzati nella chemioterapia. Ciò migliora la sua efficacia e riduce la sua tossicità nel corpo del paziente..

Di recente, un gruppo di ricercatori europei ha creato nanosfere in grado di penetrare solo nelle cellule tumorali. Pertanto, si potrebbero evitare le conseguenze negative della chemioterapia, come nausea, debolezza fisica o perdita di capelli..

Nanomedicina nelle malattie cardiovascolari

Per quanto riguarda le malattie cardiovascolari, sono state descritte anche molte utilità. A proposito, uno dei risultati più importanti è la possibilità di identificare le lesioni nelle arterie. nelle primissime fasi.

Inoltre, sono in corso studi in cui alcuni le nanoparticelle sono in grado di somministrare farmaci specificamente nelle aree interessate.

Leggi anche: Le malattie cardiovascolari possono essere prevenute

Malattie neurodegenerative

Malattie come il Parkinson, l'Alzheimer o persino l'artrite possono essere trattate in modo più efficace perché le nanoparticelle colpiscono aree specifiche del cervello o dei tessuti..

La malattia di Alzheimer è caratterizzata da una morte progressiva di neuroni. In effetti, in relazione a ciò, è stata descritta la possibilità di generare neuroni utilizzando le cellule staminali cerebrali esistenti attraverso fattori di crescita.

Tuttavia, se i fattori di crescita vengono iniettati nel flusso sanguigno, possono essere catturati da tessuti diversi dal cervello.. Questo problema potrebbe anche essere risolto grazie alla nanomedicina..

conclusione

La nanomedicina consentirà la migliore e la prima diagnosi di malattia nel prossimo futuro.. Inoltre, saranno sviluppati trattamenti localizzati e personalizzati. Allo stesso modo, sarà possibile avere un monitoraggio preciso dell'evoluzione della malattia.

Tuttavia, spetta a noi consultare regolarmente il nostro medico di fiducia, in quanto determinerà gli studi necessari quando compaiono i primi sintomi di una malattia..

Un medicinale per ridurre la chemioterapia polmonare



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Una rivista sulle buone abitudini e la salute.
Impara come sviluppare buone abitudini e rinunciare a cattive. Scopri come prenderti cura della tua salute e diventare felice.