Come rilevare i primi sintomi dell'Alzheimer?

  • Henry Lester
  • 0
  • 4179
  • 525

Immagina quanto deve essere difficile per una persona attiva, laboriosa e socievole invecchiare e allo stesso tempo sperimentare cambiamenti non così positivi, come i primi sintomi dell'Alzheimer, una malattia degenerativa progressiva e irreversibile del neurone..

Sia il paziente che la famiglia hanno bisogno di supporto psicologico ed emotivo per resistere ai cambiamenti causati dal progredire della patologia.

Questa malattia è considerata la principale causa di deterioramento mentale.. Può iniziare tra 40 e 90 anni e le sue cause sono ancora sconosciute. È caratterizzato da diversi cambiamenti che portano all'atrofia cerebrale diffusa..

Quali sono i primi sintomi dell'Alzheimer?

Secondo il Ciril Rozman Internal Medicine Compendium, si possono distinguere tre fasi successive dell'Alzheimer: 

  • Nella prima fase della malattia, il paziente soffre di dimenticanza, bruschi sbalzi d'umore e problemi linguistici;
  • Nel secondo stadio Il cambiamento nella memoria recente è evidente, il linguaggio si deteriora e la comunicazione impoverisce, sorgono difficoltà quando si manipolano oggetti e conducono una normale vita quotidiana, diventando piuttosto complicata.
  • Nel terzo stadio il paziente può conservare la memoria emotiva, il suo umore diventa imprevedibile, i suoi tentativi di comunicazione sono limitati a borbottii che sono difficili da capire chiaramente, il controllo dello sfintere si perde, la respirazione diventa difficile e la sua vita è totalmente cambiata.

Situazioni che dovrebbero attirare l'attenzione

Se hai visto uno dei sintomi dell'Alzheimer menzionati in un membro della famiglia, fai attenzione.

Se hai costantemente visto qualcuno ripetere ripetutamente più e più volte quello che avevi già detto, dimentica dove hai posizionato i tuoi oggetti, non potendo svolgere facilmente attività comuni nella tua vita quotidiana, non ricordare il giorno della settimana, non trovare luoghi nella casa in cui di solito passava molto tempo, ecc..

Queste situazioni indicano che qualcosa è compromesso e che la persona dovrebbe essere valutata da un medico qualificato. passare attraverso le procedure adeguate per confermare o escludere la possibilità che questi siano sintomi di Alzheimer.

Se confermato, le dovrebbero essere somministrate le medicine giuste per alleviare i suoi sintomi..

L'Alzheimer può causare la morte, in particolare da 4 a 10 anni dopo l'insorgenza della malattia.

Per quanto riguarda il trattamento, non esiste un farmaco specifico per il trattamento della malattia, dopo tutto, le cause sono ancora sconosciute.

Pertanto, il farmaco è limitato al trattamento dei sintomi, e la medicina si aspetta progressi nella scienza in modo che le cause di questa e di altre malattie possano essere identificate e quindi possano essere prodotte medicine più efficaci..

Pertanto, il più importante è quello essere consapevoli dei primi sintomi dell'Alzheimer in modo che l'evoluzione non sia così rapida.

Leggi anche: 5 consigli per aiutare un malato di Alzheimer

Fisioterapia per i malati di Alzheimer

La terapia fisica cercherà di mantenere una buona qualità di vita per il paziente, entro le sue possibilità..

Pertanto, è essenziale iniziare il trattamento non appena compaiono i sintomi, poiché il deterioramento non può essere fermato..

Tuttavia, almeno sarà possibile rallentarlo e mantenere al massimo l'indipendenza del paziente..

Leggi anche: Inizio di Alzheimer: puoi interrompere il processo?

Sarà sempre più difficile svolgere attività che in precedenza potevano essere incluse nella sua normale routine.

Un altro punto è che, di solito, a causa della paura di incidenti e cadute che potrebbero peggiorare la prognosi, la famiglia di solito sceglie di rimanere su una sedia a rotelle o su un letto..

Ma ciò comporta i vari problemi legati all'immobilità e ciò che può anche accelerare il processo degenerativo..

Pertanto, la terapia fisica cercherà di rallentare il normale processo della malattia, cercando di mantenere il ritmo (capacità di camminare) del paziente con esercizi specifici orientati ad ogni passo (o fase), aiutando a mantenere una buona postura, preservare articolazioni e muscoli, mantenere o rieducare l'equilibrio, ecc..

Una volta che saremo interessati a questi pazienti, avranno l'incentivo a condurre una vita più attiva, pur rimanendo in relazione con la loro famiglia e l'ambiente sociale, il che aiuterà a prevenire la depressione, di cui spesso soffrono..

Dormire male aumenta il rischio di malattia di Alzheimer?



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Una rivista sulle buone abitudini e la salute.
Impara come sviluppare buone abitudini e rinunciare a cattive. Scopri come prenderti cura della tua salute e diventare felice.